Statistiche della moda veloce

Statistiche e fatti della moda veloce

 

Statistiche della moda veloce: Le persone e il mondo che le circonda sono fortemente influenzate dalla moda e il fast fashion è responsabile di un aspetto considerevole e in espansione di questo. La moda veloce sta crescendo rapidamente. Le aziende di fast fashion più prospere creano nuove linee di abbigliamento con una frequenza ogni due settimane, promuovendo articoli di tendenza a prezzi assurdamente bassi tramite influencer e altre strategie. Accidenti. Tutto ciò ha un costo significativo per l'ambiente e per la vita dei lavoratori dell'industria dell'abbigliamento. State tranquilli, dopo aver letto i seguenti fatti e statistiche sull'hard fast fashion, la maggior parte metterebbe giù quella maglietta da 10 dollari e farebbe un cauto passo indietro.

Moda veloce i negozi sono diventati famosi per consentire ai consumatori di acquistare prodotti fabbricati a buon mercato che passano per abiti firmati per pochissimi soldi. Tuttavia, le loro strategie di vendita stanno drasticamente modificando il comportamento dei clienti in tutto il mondo. In particolare, altera il modo in cui i clienti pensano alla durata dei vestiti e cerca di far credere a un utente che indossare lo stesso vestito più di una volta non sia sostenibile.

Statistiche Fast Fashion:

1. Secondo un sondaggio di Fashion Checker, il 93% dei marchi non paga ai lavoratori dell'abbigliamento un salario minimo. (Controllo moda 2020)
È risaputo che le fabbriche per il pronto moda si trovano in nazioni con economie emergenti o in via di sviluppo. Migliaia di lavoratori provenienti da India, Cina, Bangladesh, Indonesia e altri paesi in via di sviluppo vengono utilizzati per la loro manodopera a basso costo dai negozi di fast fashion. Questi dipendenti non solo devono dedicare ore lunghe e difficili, ma il reddito che ricevono è iniquo. Secondo il rapporto, solo 5 dei 250 marchi globali intervistati nel Fashion Transparency Index 2020 hanno pubblicato una tabella di marcia o una strategia misurabile, con limiti di tempo, su come raggiungere un salario dignitoso per tutti i lavoratori lungo le loro catene di approvvigionamento.

2. “Dopo i settori automobilistico e tecnologico, la produzione di abbigliamento è la terza per grandezza”.

In termini di cambiamento climatico, la produzione di tessuti supera quella dei viaggi e delle spedizioni internazionali messi insieme. (Common Environmental Audit Committee of the House, 2019) La riduzione dei costi di produzione è l'obiettivo primario dei grandi marchi del pronto moda. Questo è il motivo per cui trascurano completamente l'aspetto della sostenibilità dei loro processi di produzione, che inizia con l'utilizzo di tessuti non biodegradabili trattati chimicamente e termina con lo smaltimento degli scarti di produzione in fiumi, laghi e mari.

3. "Oltre 500 miliardi di dollari di valore vengono sprecati ogni anno a causa del sottoutilizzo e della mancanza di riciclaggio dell'abbigliamento".
Quando non servono più, dove vanno i tuoi vestiti? Secondo le statistiche, ogni anno vengono scartate tonnellate di abbigliamento fast fashion. Questo è il risultato dei negozi al dettaglio e delle persone che si liberano degli articoli del guardaroba. Il più veloce imprese della moda sono spesso visti scaricare o bruciare scorte invendute, il che si traduce in una spaventosa perdita di risorse naturali e finanziarie, piuttosto che riciclare o donare vestiti che non sono stati venduti.

Fast Fashion Industry: consumo di CO2

4. Secondo il Fashion Transparency Index, le aziende di fast fashion tra cui Fashion Nova, Revolve, Boohoo, Pretty Little Thing e Forever 21 hanno tutte punteggi inferiori al 10%. 
La trasparenza è essenziale per l'esistenza di una moda sostenibile. La trasparenza è un prerequisito fondamentale affinché l'azione sindacale ponga fine alle violazioni dei diritti umani, rispetti i dipendenti e le comunità, elimini o riduca al minimo l'inquinamento e utilizzi meno frequentemente risorse non sostenibili. Qualsiasi azienda che non rivelerà completamente dove e come è realizzato l'abbigliamento che vuole che i suoi utenti acquistino dovrebbe sollevare bandiere rosse. Naturalmente, l'apertura da sola non è sufficiente; per determinare se i marchi e i loro fornitori mantengono davvero le loro promesse, abbiamo anche bisogno che le aziende si impegnino a rispettare standard elevati e solidi meccanismi di garanzia.

5. "La maggior parte dei consumatori, le giovani donne, considera vecchi i vestiti indossati solo una o due volte". 
Le nostre percezioni di ciò che è alla moda e socialmente accettabile da indossare stanno cambiando drasticamente mentre l'industria del fast fashion continua ad espandersi. Vivere in un mondo in cui possiamo aggiornare i nostri guardaroba con alcuni nuovi pezzi per meno della colazione ci fa ignorare la brutta verità del fast fashion.

6. "Le aziende di fast fashion utilizzano cicli di produzione a ciclo aperto che contaminano l'ambiente". 
Parlando di sostenibilità, è importante capire come le aziende evitano o eliminano i prodotti di scarto durante la produzione. Per quanto terribile sia, la stragrande maggioranza dei negozi di moda non utilizza una tecnica a "ciclo aperto" per pulire e riutilizzare l'acqua dagli impianti di produzione. Implica che tutta la spazzatura venga scaricata all'esterno, dove contamina le acque sotterranee e il suolo. Quindi, proprio l'opposto di ciò che desideriamo!

Il tasso di crescita dell'industria della moda:

7. "L'8% delle emissioni di carbonio è attribuibile al settore della moda". 
Le attrezzature per la raccolta, i trasporti generali e quei fastidiosi insetticidi a base di olio sono alcune delle principali fonti di emissioni di carbonio insieme alle catene di approvvigionamento della moda. Tutte queste emissioni sono indubbiamente migliorate nel mondo famigerato della sovrapproduzione del fast fashion. Di conseguenza, possiamo concludere che l'acquisto di beni di fast fashion contribuisce direttamente all'apparato inquinante globale che rappresenta l'8% delle emissioni globali di carbonio.

8. "Il dieci-venti percento dell'uso di pesticidi proviene ancora dal settore tessile".
Quando si parla di pronto moda, il cotone è uno dei tessuti più utilizzati. Dovrebbe essere ovvio a questo punto che il tradizionale tessuto di cotone utilizzato più frequentemente nel settore del fast fashion è prodotto in modo non etico. Sorprendentemente, l'industria del cotone convenzionale utilizza oltre il 25% di tutti gli insetticidi utilizzati in tutto il mondo. La coltivazione del cotone per l'industria della moda veloce rappresenta un serio rischio per la salute e il benessere dei lavoratori agricoli, degli ecosistemi e, in definitiva, del resto di noi se combinata con cicli a ciclo aperto. Per ridurre l'impatto sull'industria della moda, è necessario ricercare soluzioni di tessuto alternative e più sostenibili.

9. "Un tipico americano scarta circa 81 libbre di vestiti ogni anno."
Poiché l'abbigliamento è ora più accessibile che mai, i nostri comportamenti di consumo sono cambiati in peggio. Contribuiamo alle abitudini di spesa dispendiose che inevitabilmente si traducono in drammatici cambiamenti climatici considerando l'abbigliamento che le persone indossano come investimenti a breve termine.

Crescente inquinamento climatico

10. "I mercati emergenti del settore fast fashion soffrono di più".
Stabilire le loro fabbriche nei paesi in via di sviluppo aiuta i rivenditori di fast fashion a risparmiare miliardi di dollari. L'influenza sull'ecologia locale e le violazioni dei diritti dei lavoratori sono due dei costi elevati per avere un settore della moda significativo in nazioni come India, Pakistan, Bangladesh, Cambogia e molte altre.

11 "L'uguaglianza di genere non è mantenuta nei siti di produzione dal 68% dei marchi di fast fashion".
Come abbiamo visto, la maggior parte* delle aziende di fast fashion ha le proprie fabbriche nei paesi in via di sviluppo. Nonostante il fatto che le donne costituiscano la maggioranza degli 80 milioni di lavoratori nella filiera della moda, la maggior parte dei rivenditori è molto preoccupata di preservare la parità di genere sul posto di lavoro. Il fast fashion è una questione femminista significativa oltre che una sfida per la sostenibilità. *Boohoo è un'eccezione potenzialmente disonorevole perché, nonostante abbiano la loro produzione finale a Leicester, nel Regno Unito, per accorciare il loro tempo di commercializzazione, sono stati comunque accusati di violare i diritti dei lavoratori.

12. "I marchi di fast fashion stanno facendo meno sforzi nelle pratiche di produzione sostenibili".
Per dirla in parole povere, la tendenza prevalente delle aziende di fast fashion che tentano di "fare sostenibile" è deludente. In pratica, pochissimi negozi danno la priorità a una produzione trasparente e rispettosa dell'ambiente. Ricicla responsabilmente e crea raccolte ponderate; queste piccole misure potrebbero essere solo greenwashing.

Entrate del mercato della moda veloce (miliardi di Stati Uniti Dollari)

13. Le strategie aziendali basate sul volume non possono essere sostenute, secondo il Los Angeles Times del 2019.
Non è un segreto che l'obiettivo del fast fashion sia produrre il più possibile al minor costo. Il business del fast fashion deve porre più enfasi sulla qualità che sulla quantità se vuole diventare ecosostenibile. Come la moda lenta, che è un'alternativa di gran lunga migliore.

14. "Meno dell'11% dei marchi sta mettendo in atto piani di riciclaggio per i propri prodotti". 
Alcuni negozi di fast fashion hanno avviato programmi di riciclaggio in cui i clienti possono scambiare i loro vestiti usati per il credito del negozio. La maggior parte di questi beni non viene mai riciclata. Gli sconti, tuttavia, fungono da motivatore per aumentare le vendite.

15. "Si prevede che nel 14.5 siano stati acquistati a livello globale 107 miliardi di paia di scarpe e circa 2016 miliardi di capi di abbigliamento".

Tutto si riduce a come gestiamo i nostri vestiti alla fine. Senza pensarci, l'acquisto di nuovi vestiti non è solo uno spreco di denaro, ma anche insostenibile. In quanto acquirenti, abbiamo la responsabilità di scavare un po' più a fondo per assicurarci che i soldi vengano spesi con saggezza.

Previsione per il mercato della moda veloce e del mercato dell'abbigliamento di seconda mano (precedentemente di proprietà) tra il 2019 e il 2029

16. “Tre prodotti fast fashion su cinque finiscono in discarica”. 
Non sorprende che il riciclaggio sia un problema importante nel settore del fast fashion. Non consideriamo quasi mai cosa succede ai nostri capi dopo che abbiamo finito di usarli. Riparare i vestiti piuttosto che buttarli via ridurrà significativamente la quantità di inquinamento prodotto dall'uomo sul pianeta.

17. "I diritti del lavoro dei lavoratori del fast fashion sono gravemente violati". 
Il maltrattamento generale di questi lavoratori non suona come una notizia dell'ultima ora quando si apprende che più della metà dei lavoratori del fast fashion non riceve nemmeno un salario minimo. Le circostanze lavorative sono ancora importanti da notare e dare priorità. I lavoratori spesso affrontano pericoli nella produzione di fast fashion. L'esempio più noto di ciò è il crollo del 2013 della fabbrica di abbigliamento a Dhaka, che ha causato 1,134 vittime e ne ha ferite circa altre 2,500.

18. La tintura dei tessuti contribuisce al 20% delle acque reflue mondiali.
Circa 93 miliardi di metri cubi di acqua vengono consumati dall'industria dell'abbigliamento, in gran parte contaminata da sostanze chimiche pericolose. Il 20% delle acque reflue mondiali, secondo il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente, è generato dalla tintura dei tessuti. Poiché la maggior parte della produzione avviene in nazioni con normative permissive, le acque reflue spesso finiscono nei fiumi e negli oceani dove possono causare danni.

I rapporti trimestrali del primo trimestre 1 e 2020 mostrano una quota significativa di collezioni di abbigliamento sostenibile dei principali rivenditori di fast fashion in Europa

19. Vengono prodotte mezzo milione di tonnellate di microplastiche.
L'abbigliamento è una delle principali fonti di microplastiche perché così tanti capi ora sono realizzati in nylon o poliestere. Questo è forte e poco costoso. Ogni ciclo di lavaggio e asciugatura comporta la perdita di microfilamenti. L'ultimo è particolarmente dannoso e può finire nei nostri sistemi fognari. Le nostre stime sono che mezzo miliardo di tonnellate di questi contaminanti raggiungono gli oceani ogni anno.

20. Gli acquisti online vengono restituiti più frequentemente rispetto agli acquisti totali.
I rivenditori online, grandi e piccoli, stanno rendendo più facile e spesso gratuito restituire la merce. Gli articoli di moda rappresentano oltre il 30% di tutte le vendite online.
21. Le emissioni globali dell'industria dell'abbigliamento saliranno al 50%. Entro il 2030
Se le cose continuano in futuro, le emissioni globali del fast fashion raddoppieranno entro la fine del decennio. Ciò significherebbe che non vengono prese misure per ridurre gli sprechi.

22. Il consumatore medio statunitense scarta 81.5 libbre di vestiti all'anno.
Si stima che 11.3 milioni di tonnellate di rifiuti tessili, ovvero l'85% di tutti i prodotti tessili, vengano smaltiti in discarica ogni anno nella sola America. Ciò si traduce in circa 2,150 pezzi al secondo a livello nazionale e 81.5 libbre (37 kg) a persona all'anno.

Statistiche sull'industria dell'abbigliamento: disuguaglianza di genere

23. C'è stata una diminuzione del 36% nel numero di volte in cui un indumento è stato indossato. Tra 15 anni.
Nel corso del tempo, la cultura dell'usa e getta è peggiorata costantemente. Molti prodotti vengono attualmente utilizzati solo da sette a dieci volte prima di essere buttati via. In soli 10 anni, ciò rappresenta un calo di oltre il 15%.

24. Per produrre un chilogrammo di cotone sono necessari 20,000 litri di acqua.
La moda veloce aggiunge in modo significativo allo spreco idrico quotidiano oltre ad essere una fonte significativa di contaminazione dell'acqua. Se hai difficoltà a visualizzarlo, considera che per produrre una sola maglietta sono necessari 2,700 litri di acqua, sufficienti per essere bevuti da una persona per 900 giorni. Inoltre, un singolo carico di biancheria consuma dai 50 ai 60 litri di acqua.

25. Secondo i dati del fast fashion, Nike continua ad essere il primo marchio di abbigliamento. 
Nike mantiene il suo dominio con un valore del marchio di 30.44 miliardi di dollari. La GUCCI al secondo posto, che nel 2021 aveva un valore di 15.6 miliardi di dollari, è molto indietro. Dopo Chanel (13.24 miliardi di dollari), Adidas (14.34 miliardi di dollari) e Louis Vuitton (14.858 miliardi di dollari), completano i migliori giocatori.

I marchi che le persone indossano per i loro primi lavori

26. Secondo i dati del settore della moda, la Cina è il primo esportatore mondiale di tessuti. 
La Cina ha dominato il mercato globale delle esportazioni tessili nel 2020, con una quota di mercato del 43.5%. L'Unione Europea (18.1%), che all'epoca comprendeva il Regno Unito come membro, è stata seguita da India (4.2%) e Turchia (3.3%). Con una quota del 3.2%, gli Stati Uniti si sono piazzati al quinto posto.

27. Nel 2023, il mercato globale del fast fashion riprenderà e raggiungerà i 28 miliardi di sterline.
Negli ultimi dieci anni, l'industria del fast fashion si è espansa in modo significativo, ma la pandemia di COVID-19 ha momentaneamente rallentato questa crescita. Uno dei problemi principali per il fast fashion nel 2020 è stata la flessione dell'economia globale, che ha comportato un calo del 12.32% del valore di mercato e un calo delle entrate di 23 miliardi di sterline. Tuttavia, secondo gli esperti, il mercato non si riprenderà completamente fino al 2023, quando si prevede che genererà fino a 28 miliardi di sterline di vendite.

28. Nel 2022, si prevede che le vendite di abbigliamento femminile ammonteranno a 622.96 miliardi di sterline. 
L'abbigliamento femminile continua a vendere più dell'abbigliamento maschile sul mercato, che è una delle verità fondamentali sulla moda veloce. Entrambi dovrebbero espandersi nel 2022 dopo aver mostrato segni di ripresa nel 2021. Le vendite di abbigliamento maschile dovrebbero superare i 391.9 miliardi di sterline, mentre si prevede che l'abbigliamento femminile genererà 622.96 miliardi di sterline.

Fast Fashion vs PIL nazionale (in trilioni).

29. La terza stagione più varia della settimana della moda di New York è stata l'autunno 2022. 
Gli articoli delle principali riviste sul fast fashion sottolineano il problema della mancanza di diversità nel settore della moda. Tuttavia, le cose sono migliorate di recente. Hanno ricevuto ca. Il 54% dei casting nelle principali sfilate di moda cittadine nell'autunno del 2022, che è comunque inferiore al 55.5% ricevuto nella primavera dello stesso anno. Tendenze dell'alta moda hanno un impatto significativo sulle fasi successive della produzione di moda, incluso il fast fashion, anche se non fanno strettamente parte del settore del fast fashion.

30. Dopo la pandemia, il 48% dei Millennial e della Generazione Z vuole acquistare più vestiti usati. 
Secondo gli studi sulla moda sostenibile, i consumatori stanno iniziando a privilegiare opzioni più rispettose dell'ambiente. Tutte le generazioni di intervistati hanno affermato di aver pianificato di acquistare capi di abbigliamento più duraturi (65%), conservare i propri vestiti più a lungo (71%) e ripararli piuttosto che buttarli via (57%). Anche la novità ha perso importanza come elemento decisivo nell'acquisto di abbigliamento. Uno dei più grandi mercati per il fast fashion al mondo, il Regno Unito ospita anche alcuni dei migliori marchi. In questa sezione sono fornite statistiche approfondite sul settore della moda nel Regno Unito e sul comportamento dei consumatori.

31. Il più grande rivenditore di fast fashion nel Regno Unito è Next Plc. 

Burberry è il più grande marchio di moda del Regno Unito, con un fatturato annuo di oltre 7.3 miliardi di sterline. Burberry, invece, appartiene alla categoria della moda di lusso; Next Plc, con oltre 5.2 miliardi di sterline di fatturato annuo, è leader di mercato nel settore del fast fashion. Con poco più di 4.5 miliardi di sterline ciascuno, Marks & Spencer e ASOS sono rispettivamente al terzo e quarto posto.

Consumo di acqua per settore

32. Una persona su sei nel mondo ha un lavoro nel settore della moda. 
Il settore della moda, compreso il fast fashion, ha un impatto significativo sul panorama occupazionale globale. Sebbene impieghi oltre il 15% della forza lavoro mondiale, l'azienda è intimamente associata a problemi di povertà perché spesso paga anche meno del salario minimo. Il fatto che le donne costituiscano circa l'80% della forza lavoro complica ancora di più queste statistiche sulla moda introducendo il problema della disuguaglianza di genere.

Condividi questa statistica

Precedente

Statistiche e fatti dell'industria dell'abbigliamento

Avanti

Statistiche e fatti di Pinterest